El neoborbònic Javier Cercas publica un altre article contra Catalunya a Itàlia

Javier Cercas, l’escriptor espanyol criat a la ciutat de Girona repeteix un nou atac contra Catalunya des d’un mitjà de premsa italià, la primera vegada ho va fer amb una llarga entrevista al setmanari l’Espresso, on es manifestava preocupat “pel dimoni del nacionalisme català” i el definia com “una utopia assassina”, oferia tot el repertori del nacionalisme bàsic espanyol, que segurament havia après a casa, fill com és del franquisme que va arribar a Catalunya amb voluntat colonial, com els Lara, els Fernández Díaz, Camacho…

Photo by Ulf Andersen / Getty IMages

Photo by Ulf Andersen / Getty IMages

Per: Gustau Navarro i Barba

Per dissimular el seu anticatalanisme primari, posteriorment va voler criminalitzar la periodista i corresponsal del Punt Avui a Roma Alba Sidera que va fer la crònica de la seva entrevista a l’Espresso, per després amagar-se amb la ridícula justificació que havia estat mal interpretat i que el seu italià era molt elemental i podia portar a confusió.

Aquesta vegada publica al diari “La Repubblica” on repeteix una altra vegada els seus atacs contra Catalunya, centrant-ho en el President Mas com a encarnació del mal, Cercas és un intel·lectual orgànic de l’ordre vigent, dels José Luis Cebrián, de la família Botín, de la Godó, i com no de la Borbón, defensor de la gran mentida de l’ordre monàrquic espanyol del qual fa lloances en tots els seus escrits, l’independentisme que Cercas combat és la lluita per emancipar-se del totalitarisme espanyol, d’aquell pensament que els fa creure normal impedir votar per decidir coses importants, el que defensa Cercas és el vell franquisme del PP i el nou falangisme de Ciudadanos. Cercas potser un bon escriptor, això els anys ho diran, però de moment és un propagandista ben pagat de la causa totalitaria borbònica.

L’article publicat ahir al diari “Reppublica” no té la versió digital oberta, per tant reproduïm aquí ’article original, esperem que les institucions de Catalunya sabran donar la resposta justa a les difamacions.

javier-cercas

Come i golpisti Vogliono cambiare violando leggi e democrazia

“È uno dei fatti più gravi dal tentato colpo di Stato dell’81”. “Il vero colpevole è Artur Mas che ha messo il suo paese in pericolo per salvarsi dalle inchieste”

JAVIER CERCAS

BISOGNA chiarire bene quello che è successo. C’è un Parlamento che sollecita un futuro governo della Catalogna a fare alcune cose. Per adesso non c’è altro, soprattutto perché non c’è il governo che dovrebbe fare queste cose, e non sarà affatto facile formarlo. Che cosa chiede il Parlamento catalano al futuro governo che non esiste? Gli chiede di dichiarare l’indipendenza, ossia di modificare l’ordine costituzionale, violando la legge. Dichiarare l’indipendenza violando la legge spagnola, le leggi europee, tutte le leggi. Dunque questo Parlamento sta sollecitando una parte dello Stato spagnolo – il governo della Catalogna – a compiere un attentato contro l’ordine costituzionale, come se le leggi non ci fossero, non contassero e si potessero disobbedire. È molto grave. È uno dei fatti più gravi mai accaduti in Spagna.

Che io ricordi è uno dei fatti più gravi dal colpo di Stato del 23 febbraio 1981. In quel caso fu un’altra istituzione dello Stato, l’esercito, che cercò di violare l’ordine costituzionale per creare un altro ordine, diverso. È esattamente la stessa cosa che propone la risoluzione approvata ieri dal Parlamento catalano sebbene senza armi. Violare un ordine costituzionale per crearne un altro, senza passare attraverso la legge. Il problema è che ci sono persone che non capiscono cos’è la democrazia. E persone che non vogliono capirlo. Non esiste democrazia senza legge, perché le leggi sono una espressione della volontà popolare. Una legge si può cambiare, a volte si deve cambiare, ma non si può violare, soprattutto non possono farlo quelli che fanno le leggi. La democrazia non è soltanto l’atto di andare a votare. È{ un sistema di regole, di equilibri tra i poteri e di garanzie. E chi ha votato questa risoluzione non capisce cos’è la democrazia. Ma la cosa più grave è un’altra: stanno violando la democrazia in nome della democrazia.

Dopo le ultime elezioni regionali si è creato un nuovo scenario in Catalogna perché molti di coloro che hanno votato per i partiti indipendentisti ora sono pentiti. Non si immaginavano uno strappo così violento. Ho parlato con tantissimi amici che hanno votato, ad esempio, per la Cup (il movimento di estrema sinistra) che adesso grazie ai suoi undici seggi è l’ago della bilancia nel Parlamento catalano. L’hanno votato per “rompere le scatole”, confessano adesso. Come un gesto di protesta che ora si ritorce contro di loro. La Cup è un partito che vuole uscire dall’euro, uscire dall’Europa, dalla Nato, che è contro la proprietà privata. E loro, elettori arrabbiati, scontenti e stufi, hanno votato per “rompere le scatole” un partito che ha un programma che assolutamente non condividono. Una circostanza davvero comica, se non fosse tragica per il futuro di questa regione. Ma sono già pentiti anche molti elettori di Artur Mas. Adesso con ogni probabilità il Tribunale costituzionale dichiarerà nulla la risoluzione votata dal Parlamento. Ma poi? Penso che una via d’uscita possa essere quella di celebrare un referendum, oppure di arrivare ad un accordo con una proposta che modifichi la relazione fra lo Stato spagnolo e la Catalogna. Ma questa situazione ha un solo colpevole. E questo colpevole è Artur Mas molto di più di Rajoy, anche se quest’ultimo ha commesso molti errori.

È Artur Mas che ha messo il suo Paese in una situazione molto pericolosa inseguendo le sue ambizioni personali. Una fuga in avanti per salvarsi dalle inchieste sulla corruzione e per non assumere le conseguenze di tutta la sua gestione, che è stata disastrosa. Ma tutto ciò è anche frutto di un infantilismo collettivo. Come se molti avessero pensato: “Tanto non accade nulla, possiamo votare quello che ci passa per la testa”. È quello che fanno i bambini che poi chiedono a papà di risolvere il problema.

Devono aver pensato: “Possiamo perfino votare un partito che vuole farci vivere come in Corea del Nord”. Ora neppure chi ha votato questa risoluzione sa come uscirne. Sanno che si stanno buttando in un precipizio. E tutti noi dietro a loro.

Anuncis

Deixa un comentari

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

Esteu comentant fent servir el compte WordPress.com. Log Out / Canvia )

Twitter picture

Esteu comentant fent servir el compte Twitter. Log Out / Canvia )

Facebook photo

Esteu comentant fent servir el compte Facebook. Log Out / Canvia )

Google+ photo

Esteu comentant fent servir el compte Google+. Log Out / Canvia )

Connecting to %s